default logo

Bilancio 2021

Relazione assemblea 26 febbraio 2022

Buon pomeriggio a tutti, come ogni anno ci troviamo in questa occasione per fare il bilancio di un anno appena trascorso e indicare gli obbiettivi da raggiungere per l’anno 2022.

Ringrazio le Autorità presenti, i soci donatori, i soci collaboratori presenti a questa nostra Assemblea.

Prima di entrare nel vivo della relazione permettete di rivolgere un caro pensiero a coloro che ci hanno lasciato ricordandoli tutti attraverso un momento di raccoglimento.

Diversamente da quanto fatto nel 2021, quando l’emergenza del coronavirus non ci ha permesso di effettuare la nostra assemblea, oggi siamo qui a dimostrazione della voglia che abbiamo di incontrarci, di stare assieme, anche se ancora con la mascherina e adottando tutte le misure prescritte dalle disposizioni di legge, ma ci siamo.

Nell’anno appena trascorso abbiamo raggiunto due dei tre obbiettivi che ci eravamo prefissati, i soci donatori sono 2788, (1733maschi 1055 femmine) erano 2719( 1703 maschi 1016 femmine) nel 2020, con un lieve aumento del 2.5%, i soci non donatori sono 35, erano 39 nel 2020.

Le donazioni totali sono state 5058 (3615 sangue intero e 1443 di plasma) erano 4972 (3508 sangue intero e 1464 di plasma), con un incremento del 1.7%, portando la donazione pro capite a 1.8.

I nuovi donatori, questo è l’obbiettivo che non abbiamo raggiunto, sono 319 (compresi gli 87 che sono ritornati a donare), erano 418 (compresi i 121 ritornati a donare).

I soci donatori dimessi sono 265 rispetto ai 277 dell’anno 2020.

Questa fotografia fa emergere tre considerazioni, la prima è continuare nella ricerca di nuovi donatori, la seconda l’attaccamento dei donatori e dei loro valori etici e morali, che anche in presenza da una emergenza sanitaria, hanno continuato a donare e dove non ci stancheremo mai di dire tante volte GRAZIE, la terza è il costante impegno profuso dai tanti volontari e mi piace utilizzare un frase molto cara al presidente regionale Maurizio Pirazzoli “i volontari che tutte le mattine aprono la saracinesca per accogliere i donatori”.

Cosa abbiamo fatto, di sicuro si poteva fare di più, ma certamente abbiamo fatto quello che ci è stato permesso di fare.

Prima di tutto è stato eletto e rinnovato il nuovo Consiglio Direttivo nel mese di aprile che resterà in carica fino al 2024.

Poi abbiamo cominciato ad uscire dalla nostra sede, così come siamo abituati a fare con il nostro gazebo, le nostre bandiere per incontrare gente, informare e spiegare quanto sia importante il gesto della donazione. Presenti assieme agli amici della Fototeca Manfrediana alla loro serata “Fototeca Open Air”, presenti ai Mercatini dei ragazzi organizzato dalla Consulta del Volontariato.

Assieme al Gruppo Giovani e Avis Provinciale in occasione delle celebrazioni dantesche abbiamo accolto la carovana di motociclisti “dantESCOinMOTO 2021” da Firenze a Ravenna.

Presenti al MEI, ancora all’antica fiera di San Rocco dove circa 60 persone passando dal nostro gazebo hanno dato la propria disponibilità ad essere contattati per un eventuale visita di idoneità alla donazione, presenti alla XIX Maratonina Città di Faenza organizzata dall’Atletica 85 Faenza, dove Avis ha premiato tutti i concorrenti del 28° Gran Premio “Promesse di Romagna”.

Durante gli spettacoli estivi alla Molinella siamo stati presenti alla finalissima del Pavone D’oro, che è un concorso canoro della città di Faenza, al quale partecipano bambini e giovani fino ai diciotto anni. Abbiamo premiato il vincitore e anche in quell’ occasione ci siamo rivolti al pubblico presente pubblicizzando l’importanza della donazione del sangue.

Continuano le collaborazioni con gruppi sportivi, Faenza Rugby, A.S.C.D AVIS Faenza, Atletica 85 e Faenza Futura Basket con il logo Avis sulle magliette a testimoniare il legame che esiste fra lo sport e uno stile di vita sano e l’Avis.

Sul fronte della pubblicità, sono andati gli spot nelle arene estive all’aperto. Cinema Europa, Arena Borghesi in piazza Nenni e al Cinedream, il nostro logo in collaborazione con il gruppo Erbacci viaggia sulla fiancata del Gring-go Bus a ricordare quanto sia importante la donazione di sangue.

Per quanto riguarda l’attività rivolta al sociale, partecipiamo con i nostri volontari al presenziamento del hub vaccinale, abbiamo donato un defibrillatore alla scuola “Liceo Torricelli Ballardini”.

La festa del donatore, presso il centro sociale “Il Borgo”, dove vengono premiati i donatori sulla base delle loro donazioni, con il loro gesto hanno contribuito a salvare vite, chi era presente alla festa però ricorderà che il tempo non ci ha premiati ma bagnati.

L’impegno nelle scuole profuso nell’anno scolastico 2020/2021 non ha prodotto nessun risultato dal momento che non ci è stato possibile effettuare nessun incontro in presenza, per le motivazioni che tutti conosciamo.

Questa nuova realtà, ci ha trovati impreparati, ma ci ha stimolato nel trovare nuove modalità per attirare l’attenzione dei ragazzi negli incontri svolti in DAD.

Così, è partito il progetto “Donatori di tempo” assieme al responsabile Carmine D’Auria , ai formatori Giuseppe Mercadelli e Stefano Gaiardi con la preziosa opera di Natascia la giovane del servizio civile, nella ricerca di volontari interessati alla diffusione della cultura del dono. Otto volontari hanno risposto positivamente per essere formati e impegnarsi per questo incarico.

L’obbiettivo è di fornire una “cassetta degli attrezzi” ai ragazzi delle scuole superiori e dell’università per poter diventare futuri donatori in grado di difendere i concetti della donazione nel proprio contesto sociale.

I risultati ad inizio anno scolastico 2021/2022 fanno però ben sperare visti i risultati, incontri già effettuati a ottobre al “Liceo Torricelli Ballardini”, 280 studenti incontrati, con 85 disponibilità per eseguire l’idoneità alla donazione; a novembre in DAD all’IP Persolino – Strocchi, incontro con 8 classi dove 33 studenti hanno dato disponibilità e 17 di loro hanno iniziato il percorso per l’idoneità in autoemoteca davanti alla scuola.

In ultimo, la contabilità della sezione Comunale è stata tenuta da “Per gli altri Service S.r.l. Società Benefit” per fare fronte alle novità imposte dalla riforma sul volontariato con la supervisione del nostro Revisore interno riscontrandone la regolarità.

Cosa ci proponiamo di fare in questo 2022:

  1. sicuramente mantenere alta l’attenzione sulla raccolta di sangue / plasma ed essere pronti e rispondere alle esigenze che si vengono a creare di volta in volta e cercare di coinvolgere i donatori sull’importanza della donazione di plasma, dove ancora nonostante i progressi fatti, non si è raggiunta l’autosufficienza.
  2. Continuare il rapporto con le scuole, il contatto diretto con gli studenti resta un canale previlegiato per diffondere il valore della donazione, della solidarietà e soprattutto trovare sempre nuovi donatori per mantenere sempre attivo il ricambio generazionale.
  3. Rendere visibile la presenza di Avis con punti informativi e di ascolto nelle piazze, nelle sagre paesane con i nostri volontari assieme anche ad altre Associazioni per promuovere l’importanza della donazione a 360 gradi, con società sportive nella promozione di sani stili di vita e attività all’aria aperta.
  4. Migliorare la comunicazione attraverso i social per raggiugere e comunicare ai giovani utilizzando facebook, instagram lasciando la parte più istituzionale al sito internet www.avisfaenza.it.
  5. Per quanto riguarda il nostro periodico “ Avis notizie “ come avrete letto, si andrà verso un invio telematico per i motivi descritti e non ultimo per un risparmio economico, rinnovo l’invito per chi ancora non l’avesse fatto di comunicare il proprio indirizzo e- mail, questo servirà anche per comunicazioni tramite newsletter di prossima attivazione.
  6. Vogliamo anche rifare la “festa del donatore” che vuole essere un momento di aggregazione e condivisione per premiare le donatrici e i donatori che hanno raggiunto i diversi traguardi di donazioni, dico rifare perché si pensa di riproporre lo stesso posto il centro sociale “ il borgo” , il periodo e la data, ancora in fase di programmazione, sarà determinata da una bella giornata di sole, visto che con la pioggia è tutto più difficile.

Chiudo, ringraziando tutti i presenti e anche quelli che non sono presenti perché l’AVIS Comunale di Faenza è di tutti i donatori e collaboratori, i primi che con il proprio gesto contribuiscono a salvare vite, i secondi che con il proprio tempo la tengono viva.

Un arrivederci al prossimo anno e pronti a festeggiare il 70° compleanno di AVIS comunale FAENZA

Grazie per l’attenzione

Per il consiglio direttivo

Angelo Mazzotti

File Dimensione del file Download
xls rendiconto cassa 2021 19 KB 41